Il Cane Vomita? 

Crediamo che ogni padrone si sarà trovato almeno una volta in questa situazione, vedere il proprio cane vomitare improvvisamente può spaventare. Tuttavia non c'è bisogno di allarmarsi sempre quando succede. Le cause possono essere diverse. Se si dovesse trattare di un caso isolato, il più delle volte non rappresenta alcun pericolo per il cane.
Se invece questo avviene spesso allora il problema sarà riconducibile ad un peggioramento delle sue condizioni di salute ed in questo casa sarà necessario rivolgersi ad un medico veterinario.

Il vomito deve essere considerato come un importante meccanismo di difesa del corpo. Grazie ad esso l'animale è in grado di espellere rapidamente ed in modo piuttosto efficace eventuali sostanze tossiche indesiderate o corpi estranei. Entrando nel merito di tale meccanismo vediamo nello specifico: Quali possono essere le cause, come diagnosticarle, che terapie è possibile adottare ed eventualmente anche come prevenire il vomito nel cane.  

Il cane vomita: Ecco quali possono essere le cause

Tra i fattori scatenanti ci possono essere intanto sostanze tossiche ingerite dal cane, le altre sostanze prodotte dal corpo a causa dei disturbi del metabolismo oppure medicinale che possono giungere attraverso il sangue all'area postrema del cervello e provocare il vomito.
Nel cane il vomito è il più delle volte sintomo di infiammazioni o dilatazioni eccessive degli organi. Quelli maggiormente coinvolti sono gli organi dell’apparato digerente, e quindi esofago, stomaco, intestino, pancreas e fegato. Tra le cause più frequenti del vomito ricordiamo:
  • Ingozzamento di alimenti
  • Ingestione di alimenti andati a male o intolleranza alimentare
  • Ingestione di un corpo estraneo
  • Avvelenamento
  • Infiammazioni del tratto gastrointestinale
  • Gastrite (infiammazione della mucosa gastrica)
  • Malattie infettive (parassiti del cane, virus, batteri)
  • Patologie epatiche
  • Pancreatite
  • Patologie renali del cane
  • Diabete mellito
  • Morbo di Addison
  • Tumori
Bisogna fare poi una distinzione tra vomito cronico e acuto. Quello acuto si manifesta improvvisamente e per un breve periodo, che non supera le poche settimane. Se si dovessero invece superare le due settimane senza segni di miglioramento si tratta di vomito cronico. In ogni caso non bisogna esitare nel rivolgersi ad un veterinario, soprattutto se il vomito dura per diverso tempo e il cane presenta anche altri sintomi.  

Il cane vomita: diagnosticare le possibili cause

È inoltre importante capire la dinamica del vomito, così da distinguerlo da altri sintomi, come il rigurgito (risalita del contenuto gastrico) o la tosse. Dopo l'anamnesi si procede con l'analisi clinica. Se l'analisi del veterinario dovesse individuare qualche anomalia, può essere necessario condurre ulteriori indagini come analisi del sangue, delle feci, una radiografia oppure un'ecografia. In caso di vomito cronico si può inoltre ricorrere a un'endoscopia o a una laparotomia esplorativa. Come abbiamo appena visto il vomito nel cane può essere causato da diversi motivi. Per questo esistono diverse analisi che può diventare importante effettuare per individure le cause. Per il veterinario sarà necessario e basilare fare un'attenta anamnesi, indagando prima di tutto sull''alimentazione del cane e il momento in cui il vomito è comparso dopo che il cane ha mangiato Dopo l'anamnesi si procede con le analisi cliniche vere e proprie che laddove dovessero individuare qualche anomalia porterebbero alla necessità di effettuare altre indagini. >> APPROFONDISCI SU: Alimenti per cani naturali, olistici e cruelty free  

Terapia contro il vomito nel cane

Se gli episodi sono isolati e quindi non associati ad altri sintomi il più delle volte quasi sicuramente non sarà necessario ricorrere ad una terapia, probabilmente con un pò di digiuno il cane tornerà alla normalità. Se invece la problematica del vomito dovesse manifestarsi con una frequenza maggiore sarà importante sentire il veterinario che quasi sicuramente ci consiglierà una terapia conservativa e di far seguire al nostro cane una dieta leggera. Qualora invece dovessero presentarsi altri disturbi, come febbre, dolori addominali a quel punto con l'aiuto del veterinario di fiducia sarà importante fare ricorso ad una terapia mirata.

Come prevenire il vomito nel cane

Tuttavia è possibile con le giuste accortezze provare anche a prevenire il vomito nel cane. Ad esempio facendo attenzione quando siamo in giro che il cane non non metta in bocca cose che non siano i suoi alimenti.  L'ingozzamento infatti è una delle cause più frequenti del vomito. Ci sono poi cani particolarmente sensibili ai cambiamenti delle loro abitudini alimentari, per i quali si consiglia di non cambiare l’alimentazione in modo repentino, ma di farlo con attenzione, gradualmente e nell’arco di più giorni.  

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza e per le finalità descritte nella Cookie Policy .Continuando a navigare approvi l'uso di cookie.